Progetto Libia

emergenza sorrisi chi siamo

Progetti

Assistenza sanitaria ai migranti e alla popolazione libica

AID LIBIA/11273/03
Cofinanziato dall’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo

Periodo: gennaio – giugno 2018


Da gennaio 2018 Emergenza Sorrisi è attiva in Libia per prestare assistenza sanitaria ai migranti ospitati nei centri migranti e alla popolazione libica attraverso progetti finanziati dall’Agenzia Italiana per la cooperazione allo sviluppo.

Il primo progetto implementato da Emergenza Sorrisi è stato il progetto “Assistenza sanitaria ai migranti e alla popolazione libica” (LIBIA/11273/03) che ha visto la creazione di Centri Medici all’interno dei centri migranti di Tarek Al Sika, Tarek al Matar e Tajoura, l’erogazione di un servizio sanitario rivolto ai migranti e alla popolazione libica svolto da uno staff medico locale opportunamente aggiornato su tematiche emergenziali quali malattie infettive e trattamento dei disturbi da stress post traumatico.

L’assistenza sanitaria rivolta alla popolazione libica è stata svolta in centri medici pubblici adiacenti i centri migranti, nello specifico l’Alhuria Health Center vicino Tarek Al Sika, Abshusha Health Center vicino Tajoura e Abudaralgherafi vicino Tarek Al Matar.

Una volta terminata l’installazione, i Centri Medici Specialistici sono stati consegnati ai direttori dei Centri di Detenzione in accordo con il partner locale, il National Center of Disease Control del Ministero della Sanità libico. I Centri Medici Specialistici sono attrezzati in ambulatori appositamente creati, allestiti  e provvisti di medicinali di prima emergenza. Attualmente sono utilizzati dalle organizzazioni internazionali umanitarie che operano nell’assistenza sanitaria rivolta ai migranti, fra cui WHO e IOM.


Il progetto ha previsto, inoltre, la fornitura di medicinali da utilizzare per prestare l’assistenza medica rivolta ai migranti e alla popolazione libica. Sono stati forniti anche materiale di consumo medico e piccole attrezzature mediche.

L’assistenza sanitaria rivolta alla popolazione libica è stata svolta in centri medici pubblici adiacenti i centri migranti, nello specifico l’Alhuria Health Center vicino Tarek Al Sika, Abshusha Health Center vicino Tajoura e Abudaralgherafi vicino Tarek Al Matar.

Le principali diagnosi certificate sono ipertensione, problemi cardiaci e stress/depressione, traumi, coliche, dolori addominali e psicosi.

A conclusione del progetto – nel mese di luglio 2018 – sono stati effettuati 992 visite mediche di cui 595 donne e 126 bambini dai 0 ai 12 anni di cui 57 bambine.

Incrementato accesso a cure medico sanitarie (igienico nutrizionali psicologiche) con particolare riferimento a donne e bambini: 24 visite mediche per turno per medico impiegato al giorno.

Il corso di formazione ha avuto ottimi risultati, tutti i discenti sono stati molto attenti e ricettivi alle tematiche trattate. Hanno richiesto altri momenti formativi da svolgere in futuro, in particolare hanno dimostrato grande interesse per la psichiatria e il trattamento dei disturbi post traumatici, in quanto più direttamente di interesse per la popolazione libica. Numerosi sono infatti i casi di questi disturbi presenti nella popolazione libica, dopo anni di instabilità politica, lotte e violenze.I quattro rappresentanti dello staff di sicurezza dei centri di detenzione hanno espresso la volontà di poter ricevere una formazione anche basilare sul trattamento dei disturbi da post trauma, in quanto ne riscontrano diversi durante la loro attività nei centri di detenzione. Il dott. Cianconi ha quindi rivolto dei momenti formativi specifici rivolti allo staff di sicurezza dei centri. Il Dott. Cianconi ha preferito svolgere la formazione allo staff separatamente dai medici, in quanto i due gruppi avrebbero potuto influenzarsi a vicenda. Il dott. Cianconi ha impostato una formazione basilare trasferendo metodologie pratiche per affrontare i migranti con evidenti segni di trauma post traumatico.

Risultati

3 Centri Medici Specialistici allestiti all’interno dei centri migranti (Tarek Al Sika, Tarek al Matar e Tajoura), 15 medici libici formati (con specializzazione in psicologia e infettologia e gestione delle emergenze) e oltre 992 visite di cui 595 donne e 126 bambini (da 0 a 12 anni di cui 57 bambine)

Supporto d’emergenza a migranti e comunità ospitanti nelle aree di Janzour e Gharyan (LIBIA/11242/05)

 


Il secondo progetto “Supporto d’emergenza a migranti e comunità ospitanti nelle aree di Janzour e Gharyan “(LIBIA/11242/05), attualmente in corso, vede come capofila GVC – Gruppo Volontariato Civile e ICU – Istituto di Cooperazione Universitaria.

La componente di Emergenza Sorrisi continua ad essere l’erogazione di un servizio di assistenza sanitaria rivolta a migranti nei centri di El Nasser (Zawya) e Dar El Jabal (Zintan) e la creazione di 2 centri medici all’interno del perimetro dei centri stessi, attrezzati per prestare una particolare attenzione alla salute materno infantile.

Il servizio sanitario viene prestato da uno staff medico locale, aggiornato sulle tematiche emergenziali, malattie infettive e trattamento dei disturbi da stress post traumatico, resi idonei a proseguire autonoma a conclusione del progetto, garantendo in tal modo un exit strategy sostenibile.

Puoi aiutarci a riscrivere il futuro di migliaia di bambini. Puoi farlo adesso

DONA ORA

avvenire