• Emergenza Sorrisi

Stefano Antonelli: il medico anestesista di Emergenza Sorrisi che lancia un inno alla speranza

Stefano Antonelli: il medico anestesista di Emergenza Sorrisi che con la canzone “Io rinascerò” lancia un inno alla speranza per far fronte al Coronavirus



Un inno alla riconquista della normalità; è questo il significato del brano “Io rinascerò” composto da Stefano Antonelli, 55 anni, medico cardio-anestesista rianimatore all’ospedale del Cuore di Massa Carrara e da anni volontario dell’organizzazione Emergenza Sorrisi.

Due passioni, quella per la musica e la medicina, che costituiscono il fil rouge della sua vita. “Devo molto alla musica perché mi ha dato lavoro da giovane ed è solo grazie a lei che oggi sono un medico. Per questo quando posso cerco di portare la musica all’interno delle corsie dell’ospedale, un modo per dar voce alla speranza anche nei momenti più difficili”- ricorda Stefano.

Il dottor Antonelli ha composto questo brano negli anni Ottanta dedicandolo ad un amico per aiutarlo ad uscire dalle angosce del faticoso tunnel della tossicodipendenza. Una fase difficile, dolorosa e un percorso nel quale Antonelli ha riscontrato molti punti in comune con le angosce e il senso di solitudine che ci opprimono in questo tempo scandito dalla pandemia. Insieme a Sara Grimaldi, nota vocalist di Zucchero, il brano è stato rieditato e adattato ai nostri tempi per dare un forte messaggio di speranza e di rinascita nell’affrontare la pandemia.

Il grande impegno del dottor Antonelli non si esaurisce qui: è stato protagonista come volontario in diverse missioni chirurgiche organizzate da Emergenza Sorrisi nei paesi in via di sviluppo dimostrando sempre dedizione e un forte impegno nei confronti delle persone più bisognose. Facciamoci contagiare dal potere della musica!


Buon ascolto: