• Emergenza Sorrisi

"Io non mi arrendo"



Nella foto Francesca, responsabile ufficio missioni umanitarie Emergenza Sorrisi e Aya


Aya ha 16 anni ed ha una grave malformazione al volto. L’abbiamo incontrata la prima volta nel 2020 durante una delle nostre missioni chirurgiche a Tunisi. Durante quella prima visita i nostri chirurghi hanno accertato che il trattamento della sua malformazione richiedeva un percorso medico specializzato e che il suo caso non poteva essere risolto in missione. A luglio 2020 abbiamo portato Aya in Italia per effettuare delle visite specialistiche. Durante il ricovero i medici hanno confermato che prima di procedere con l’intervento chirurgico è necessario ridurre la sua malformazione. Non è stato facile dirle che non potevamo aiutarla nell’immediato. Di nuovo la promessa di non scordarci di lei al saluto all’aeroporto. Questa ragazzina che da sempre ha imparato a nascondere la sua bocca e a subire prese in giro e isolamento, che vive in un Paese così difficile ci ha colpito per la sua dignità, per la sua voglia di ridere come ogni altra ragazza della sua età e per la sua anima guerriera. Lei non si è arresa e neanche noi ci siamo arresi. Abbiamo individuato un centro in Tunisia in grado di fornire la terapia sclerotizzante che ridurrà la sua malformazione e preparare così Aya all’intervento. Dopo aver ridotto la malformazione Aya sarà operata da un’equipe specializzata.