Blog

Società Italiana di Anestesia, Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva (SIAARTI) e la Federazione Nazionale degli ordini dei Medici Chirurghi e degli Ondontoiatri (FNOMCEO) concedono il patrocinio all’iniziativa messa in campo da Emergenza Sorrisi, Società Italiana di Psichiatria e TIM, che hanno deciso di aprire uno sportello di ascolto psichiatrico a distanza per aiutare tutto il personale sanitario coinvolto nella gestione dell’emergenza Covid-19.

Attraverso il Numero Verde 800.042.999 messo a disposizione da TIM nell’ambito di “Operazione Risorgimento Digitale” gli esperti della Società Italiana di Psichiatria, sotto la supervisione del prof. Massimo di Giannantonio e del dr. Enrico Zanalda, risponderanno a chi ne ha più bisogno. Il numero è attivo dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19.

Emergenza Sorrisi, Società Italiana di Psichiatria (SIP) e TIM scendono in campo insieme per offrire supporto e ascolto a medici e infermieri in prima linea per l’emergenza coronavirus.

Il Numero Verde 800.042.999 reso disponibile da TIM è dedicato a tutti i professionisti della salute in Italia, attivo da lunedì a sabato, dalle 15 alle 19, per fornire ascolto e supporto a distanza nel caso di stress, disturbi psichici o paure legati alla pandemia.

Anche chi aiuta ha bisogno di aiuto. Mai quanto ora, medici, infermieri e operatori sanitari hanno bisogno di supporto psichico per far fronte alle difficoltà dovute all’emergenza coronavirus e anche per aiutare meglio le persone malate. Per questo Emergenza Sorrisi, Società Italiana di Psichiatria e TIM, hanno deciso di aprire uno sportello di ascolto e sostegno a distanza, attraverso un Numero Verde messo a disposizione da TIM nell’ambito di “Operazione Risorgimento Digitale”. Per l’iniziativa è stato richiesto il patrocinio del Ministero della Salute e della Protezione Civile. Il Numero Verde 800.042.999 è attivo dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19: a rispondere saranno gli esperti della Società Italiana di Psichiatria sotto la supervisione del prof. Massimo di Giannantonio e del dr. Enrico Zanalda, coordinatori SIP del progetto.

“Emergenza Sorrisi, sulla base delle sollecitazioni espresse dai sanitari e dai propri volontari distribuiti in tutto il territorio nazionale, ha deciso di promuovere questa iniziativa – spiega Fabio Abenavoli, presidente di Emergenza Sorrisi. In questo periodo di estrema difficoltà siamo molto vicini ai nostri medici e infermieri volontari che lavorano senza sosta e timore per salvare tantissime vite. Questo virus è il virus della lontananza e del distacco, per questo abbiamo raccolto la loro richiesta di aiuto e pensato di offrire un servizio di supporto per ricordare loro che non sono soli nell’affrontare una situazione di stress elevatissimo. Siamo orgogliosi di avere al nostro fianco due importanti partner come TIM, che ha messo a disposizione gratuitamente il numero verde, e la Società Italiana di Psichiatria cui appartengono gli specialisti chiamati a dare sostegno ai nostri sanitari. Se è vero che l’unione fa la forza tutti noi siamo in prima linea per essere al fianco del personale sanitario italiano”.

“Per chi è in prima linea lo stress da Covid-19 è come quello dei soldati in Vietnam, e dobbiamo evitare i reduci di questa guerra – spiegano di Giannantonio e Zanalda, presidenti della Società Italiana di Psichiatria –. L’ansia, la frustrazione, i sensi di colpa, i disturbi del sonno a causa dei lutti multipli e della paura di non aver fatto abbastanza per i propri pazienti, secondo dati SIP, riguardano il 50% degli operatori sanitari. Questa percentuale sale al 70% per il timore e l’ansia di contrarre il virus e all’85% per l’angoscia di essere veicolo dell’infezione per i propri cari. Livelli di ansia e di angoscia che rischiano di arrivare al burnout, cioè alla sindrome da esaurimento. Un indicatore indiretto di questa situazione è l’incremento di almeno il 30% del consumo di ansiolitici dall’inizio della pandemia. È bene ricordare che chiedere aiuto non è un segnale di debolezza ma di forza, per evitare domani l’ondata di sindromi post traumatiche da stress. E questa iniziativa, realizzata insieme a TIM e a Emergenza Sorrisi, sottolinea l’importanza del supporto e del sostegno che tutti noi siamo chiamati a dare in questo momento”.

 

Sono già stati consegnati i primi  dispositivi di protezione individuale:  mascherine chirurgiche FFP2 e FFP33, camici monouso, visiere, calzari e tute presso le strutture ospedaliere di Massa, Bari e Catanzaro !!

Grazie di cuore a tutti voi che avete contribuito al sostegno di questo nostro progetto!

Per continuare a contribuire con una donazione https://dona.emergenzasorrisi.eu

 

 

La difficile situazione di isolamento sociale dettata dall’emergenza Coronavirus ha modificato nel profondo la vita di tantissime famiglie che si trovano sempre di più a dover far fronte a difficoltà economiche legate all’acquisto di beni di prima necessità.

Per questo motivo Emergenza Sorrisi e la Fondazione Enrico Castellini lanciano una raccolta fondi dedicata all’acquisto di alimenti per le famiglie in difficoltà economica residenti nel comune di Roma.

L’iniziativa, che ha ricevuto il patrocinio del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo e della Città metropolitana di Roma Capitale, sarà supportata operativamente dalla Croce Rossa Comitato Municipio 8-11-12 di Roma che si renderà disponibile a consegnare i pacchi alimentari ai domicili delle famiglie più bisognose, e da Emergenza Sorrisi che collaborerà alla diffusione e alla realizzazione dell’iniziativa.

Da una parte ci sono i medici e infermieri che lottano nelle corsie degli ospedali per salvare tantissime vite, dall’altra ci sono tantissime famiglie che lottano per far quadrare i conti e garantire un pasto ogni giorno ai propri cari. In un momento così difficile per la nostra comunità non possiamo tirarci indietro. Ognuno è chiamato, anche con un piccolo gesto, a farsi prossimo dell’altro in difficoltà. Ci rende davvero orgogliosi la collaborazione con la Fondazione Enrico Castellini e la Croce Rossa Italiana per questa iniziativa che siamo sicuri incontrerà la generosità e la solidarietà di tantissime persone” – spiega Fabio Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

E’ possibile fare una donazione tramite bonifico bancario al conto corrente dedicato all’iniziativa

FONDAZIONE ENRICO CASTELLINI

CREVAL Iban: IT 53 B 05216 03206000000001877

Indicare nella causale: Emergenza Covid-19 aiuto alimentare

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In tanti ospedali italiani mancano i dispositivi di protezione individuale in grado di proteggere i medici e tutto il personale sanitario dal contagio da Coronavirus.

Per questo motivo Emergenza Sorrisi promuove la raccolta fondi “Aiutaci ad Aiutarli!” per rispondere in maniera concreta all’appello degli ospedali e degli operatori sanitari che richiedono gli strumenti necessari per preservare se stessi e continuare il loro eroico lavoro.

La campagna di raccolta fondi supporterà l’Ospedale del Cuore di Massa, l’Ospedale Generale Regionale F. Miulli di Bari e l’UOC Anestesia e Rianimazione, Azienda Ospedaliero-Universitaria “Mater Domini” di Catanzaro: alcune delle strutture ospedaliere del Sud Italia dove operano medici e infermieri volontari di Emergenza Sorrisi e che, in questo momento difficile, hanno richiesto materiali come mascherine chirurgiche FFP2 e FFP3, camici monouso, visiere, calzari e tute.

Abbiamo deciso di promuovere una campagna di raccolta fondi che possa supportare direttamente i sanitari del Sud Italia concentrandoci sulle strutture ospedaliere dove i nostri medici e infermieri volontari lavorano in prima linea” – spiega Fabio Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi. “Ci sentiamo molto vicini ai nostri volontari che stanno facendo il massimo per salvare le vite dei nostri concittadini. Sono gli eroi silenziosi dei nostri giorni che combattono senza sosta a fianco dei nostri cari. Speriamo che attraverso la generosità di tutti riusciremo a sconfiggere anche questa difficile battaglia”.

Per contribuire con una donazione: dona.emergenzasorrisi.eu/

Nell’ambito del progetto “Accoglienza e Sorrisi in Libia” un team di 7 medici e infermieri volontari di Emergenza Sorrisi raggiungerà per la prima volta Tunisi per curare giovani pazienti libici affetti da malformazioni del volto.

Il progetto è finanziato dalla Cooperazione Italiana nell’ambito degli interventi di emergenza a sostegno della popolazione libica, di migranti e rifugiati. La missione chirurgica si svolgerà a Tunisi dal 18 al 23 febbraio.

I 27 giovani pazienti libici saranno accompagnati da un’equipe medica libica che seguirà il percorso formativo on the job organizzato da Emergenza Sorrisi e dall’equipe medica tunisina della clinica dove si svolgeranno gli interventi.

Quando si tratta di curare una persona che soffre le differenze culturali si annullano. Nella sala operatoria esiste un unico linguaggio universale che permette di restituire speranza ai piccoli pazienti che curiamo: quello della chirurgia. Nella nostra mission non mancano mai i momenti dedicati alla formazione del personale medico locale perché è solo trasferendo esperienze e know-how specialistico che si può fare la differenza” – spiega Fabio Abenavoli, presidente di Emergenza Sorrisi.

Il Gargaar Multispeciality Hospital di Hargeisa, capitale di Somaliland,è pronto ad accogliere dal 3 al 9 febbraio prossimo l’equipe di Emergenza Sorrisi composta da 8 volontari tra medici chirurghi, anestesisti e infermieri.

Si tratta della prima missione chirurgica di Emergenza Sorrisi in Somaliland. Saranno visitati ed operati bambini affetti da una serie di gravi malformazioni del volto, che rendono impossibile una vita dignitosa ai bimbi ed alle loro famiglie: l’arrivo dell’equipe dei medici di Emergenza Sorrisi è molto atteso ed i pazienti stanno già arrivando, anche da molto lontano.

La missione chirurgica è stata organizzata con il supporto logistico e finanziario di AICS Mogadiscio e, in particolare, grazie alla preziosa collaborazione con il Dott. Guglielmo Giordano ed il suo team, che hanno creduto in questo progetto, rendendolo attuabile attraverso un’importante sinergia con il Gargaar Multispeciality Hospital.

Siamo entusiasti che il lavoro di questi anni svolto in sinergia con AICS Mogadiscio ci abbia portato ad essere presenti per la prima volta in un territorio così complesso del Corno d’Africa” – spiega il chirurgo plastico e maxillo facciale dott. Fabio Abenavoli, presidente e fondatore di Emergenza Sorrisi – “Attraverso il lavoro e la formazione costante dei medici locali vogliamo accendere nuovi fari di speranza anche nei territori in cui ci sono meno risorse e, quindi, manca la fiducia nel futuro. Ogni missione è come un seme che , ben coltivato, porterà frutti preziosi in primis nelle vite dei bimbi a cui restituiremo il sorriso e la dignità, ma anche nel progetto – che non è per noi una utopia – di una sanità più equa, con elevati standards di competenze specialistiche”, conclude il dott. Abenavoli.

 

Photo: Valentina Tamborra

In che modo gli ordini professionali possono aiutare a distinguere tra buona e cattiva filantropia? Che cosa possono fare gli ordini professionali per indirizzare la filantropia verso i canali giusti? In che modo lo strumento del lascito solidale può aiutare lo sviluppo delle realtà più virtuose? E in che modo gli ordini professionali possono tentare di certificare la trasparenza e coerenza del messaggio filantropico creando appositi strumenti di valutazione? A queste domande si cercherà di rispondere durante il convegno organizzato da Emergenza Sorrisi “Etica e Filantropia” in programma mercoledì 18 dicembre a partire dalle ore 9 presso il Reale Circolo Canottieri di Tevere Remo.

Emergenza Sorrisi, con la preziosa collaborazione del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, della Fondazione Pietro Mennea, e con il patrocinio CONI Comitato Regionale Lazio e dei Club dei Circoli Sportivi Storici – Città Metropolitana di Roma Capitale, organizza il Trofeo Pietro Mennea 2019, un grande evento sportivo benefico in programma domenica 8 dicembre 2019 alle ore 10 presso lo Stadio Pietro Mennea (Stadio dei Marmi – Roma).

L’appuntamento, giunto alla sua IV edizione, vuole essere un momento commemorativo dell’impegno sportivo e umanitario del grande campione che ha sempre favorito e sostenuto le attività umanitarie impegnandosi in concreto per la salute dei bambini meno fortunati.

L’evento sportivo, che coinvolgerà gli appassionati del running dei Circoli Sportivi storici della Capitale e di quelli italiani ad essi affiliati vuole sensibilizzare l’opinione pubblica e i giovani al valore dello sport e all’importanza di occuparsi del prossimo. Infatti diceva Pietro Mennea “La vita è come una pista a otto corsie, possiamo lasciarne sette a tutti gli altri, ma dobbiamo lottare perché una corsia resti libera”. E’ la stessa corsia su cui i medici volontari di Emergenza Sorrisi hanno deciso di correre, per riportare il sorriso e il significato di una vera e rinascita per tantissimi bambini.

La giornata inizierà alle ore 10 allo Stadio Pietro Mennea dove i circoli storici si sfideranno in una staffetta 10×1000. Alla prima squadra classificata sarà attribuito il Trofeo Pietro Mennea e il circolo vincente sarà ringraziato e menzionato al termine della gara nello stadio, mentre la premiazione sarà ufficializzata con la consegna del Trofeo alla presenza di tutti i runners. Sempre alle 10 al Bailey Padel Club si svolgerà il 1° Trofeo di Padel Pietro Mennea, al quale parteciperanno anche grandi nomi dello sport come il grande nuotatore Massimiliano Rosolino e tanti altri personaggi dello spettacolo vicini all’associazione. Inoltre, i bambini potranno esercitarsi con la racchetta grazie alla presenza di un maestro e partecipare a diversi laboratori creativi messi a disposizione.

L’evento è reso possibile grazie al contributo di MSD Italia e alla media partnership con l’emittente radiofonica RID 96.8 che seguirà tutta l’iniziativa.

Pietro Mennea, che ha sempre attribuito a sport e solidarietà un ruolo fondamentale, amava i bambini ed era attivo nel sostenere con la sua fondazione i progetti e le attività di Emergenza Sorrisi, con cui condivideva valori ed ideali. Un campione che ha saputo riconoscere il valore del farsi prossimo agli altri e che vogliamo onorare ogni anno grazie a questa manifestazione all’insegna della gioia e dell’amore per lo sport” – ha ricordato Fabio Abenavoli Presidente di Emergenza Sorrisi.

Ogni missione chirurgica è una corsa contro il tempo e a Nassirya il team di Emergenza Sorrisi ha compiuto un autentico miracolo. 111 bambini hanno ritrovato il sorriso e la speranza di un futuro grazie al lavoro senza sosta dei medici e infermieri volontari guidati dal Prof. Mario Altacera, Chirurgo Maxillo Facciale dell’Ospedale Miulli di Bari, che hanno lavorato a fianco dei medici locali per trasferire tecniche e know how specialistico.

Durante la missione che si è svolta dal 17 al 25 novembre presso l’Habbobi General Hospital di Nassirya sono stati visitati oltre 400 pazienti e attraverso uno screening accurato sono state identificate le patologie che necessitavano di una priorità chirurgica. Con questa missione Emergenza Sorrisi ha festeggiato un traguardo importante: gli 11 anni di presenza costante in Iraq.

Una presenza resa possibile grazie al lavoro insostituibile del Dott. Aws, chirurgo e direttore dell’Al Habbobi Teaching Hospital di Nassirya che nel corso degli anni è diventato un punto di riferimento per l’intera nazione nella cura delle patologie legate alle malformazioni del volto. “L’incidenza delle labio-palatoschisi in Iraq è di migliaia di casi, quasi il doppio rispetto ai paesi più ricchi. Se i bambini non vengono operati entro i 18 mesi, la patologia può compromettere l’udito e le facoltà linguistiche dei bambini. Per questo un intervento tempestivo è prioritario. Ci auguriamo che grazie a questi 11 anni di collaborazione e formazione dei medici locali sempre più bambini possano ricevere cure adeguate e specialistiche e che il dolore dei piccoli e delle loro famiglie venga alleviato” – spiega Fabio Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

La missione chirurgica si è avvalsa del contributo di Takeda. Si ringra inoltre Emirates Airline Foundation per aver donato tutti i biglietti aerei del team di Emergenza Sorrisi.