Blog

Emergenza Sorrisi, con la preziosa collaborazione del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo, della Fondazione Pietro Mennea, e con il patrocinio CONI Comitato Regionale Lazio e dei Club dei Circoli Sportivi Storici – Città Metropolitana di Roma Capitale, organizza il Trofeo Pietro Mennea 2019, un grande evento sportivo benefico in programma domenica 8 dicembre 2019 alle ore 10 presso lo Stadio Pietro Mennea (Stadio dei Marmi – Roma).

L’appuntamento, giunto alla sua IV edizione, vuole essere un momento commemorativo dell’impegno sportivo e umanitario del grande campione che ha sempre favorito e sostenuto le attività umanitarie impegnandosi in concreto per la salute dei bambini meno fortunati.

L’evento sportivo, che coinvolgerà gli appassionati del running dei Circoli Sportivi storici della Capitale e di quelli italiani ad essi affiliati vuole sensibilizzare l’opinione pubblica e i giovani al valore dello sport e all’importanza di occuparsi del prossimo. Infatti diceva Pietro Mennea “La vita è come una pista a otto corsie, possiamo lasciarne sette a tutti gli altri, ma dobbiamo lottare perché una corsia resti libera”. E’ la stessa corsia su cui i medici volontari di Emergenza Sorrisi hanno deciso di correre, per riportare il sorriso e il significato di una vera e rinascita per tantissimi bambini.

La giornata inizierà alle ore 10 allo Stadio Pietro Mennea dove i circoli storici si sfideranno in una staffetta 10×1000. Alla prima squadra classificata sarà attribuito il Trofeo Pietro Mennea e il circolo vincente sarà ringraziato e menzionato al termine della gara nello stadio, mentre la premiazione sarà ufficializzata con la consegna del Trofeo alla presenza di tutti i runners. Sempre alle 10 al Bailey Padel Club si svolgerà il 1° Trofeo di Padel Pietro Mennea, al quale parteciperanno anche grandi nomi dello sport come il grande nuotatore Massimiliano Rosolino e tanti altri personaggi dello spettacolo vicini all’associazione. Inoltre, i bambini potranno esercitarsi con la racchetta grazie alla presenza di un maestro e partecipare a diversi laboratori creativi messi a disposizione.

L’evento è reso possibile grazie al contributo di MSD Italia e alla media partnership con l’emittente radiofonica RID 96.8 che seguirà tutta l’iniziativa.

Pietro Mennea, che ha sempre attribuito a sport e solidarietà un ruolo fondamentale, amava i bambini ed era attivo nel sostenere con la sua fondazione i progetti e le attività di Emergenza Sorrisi, con cui condivideva valori ed ideali. Un campione che ha saputo riconoscere il valore del farsi prossimo agli altri e che vogliamo onorare ogni anno grazie a questa manifestazione all’insegna della gioia e dell’amore per lo sport” – ha ricordato Fabio Abenavoli Presidente di Emergenza Sorrisi.

Ogni missione chirurgica è una corsa contro il tempo e a Nassirya il team di Emergenza Sorrisi ha compiuto un autentico miracolo. 111 bambini hanno ritrovato il sorriso e la speranza di un futuro grazie al lavoro senza sosta dei medici e infermieri volontari guidati dal Prof. Mario Altacera, Chirurgo Maxillo Facciale dell’Ospedale Miulli di Bari, che hanno lavorato a fianco dei medici locali per trasferire tecniche e know how specialistico.

Durante la missione che si è svolta dal 17 al 25 novembre presso l’Habbobi General Hospital di Nassirya sono stati visitati oltre 400 pazienti e attraverso uno screening accurato sono state identificate le patologie che necessitavano di una priorità chirurgica. Con questa missione Emergenza Sorrisi ha festeggiato un traguardo importante: gli 11 anni di presenza costante in Iraq.

Una presenza resa possibile grazie al lavoro insostituibile del Dott. Aws, chirurgo e direttore dell’Al Habbobi Teaching Hospital di Nassirya che nel corso degli anni è diventato un punto di riferimento per l’intera nazione nella cura delle patologie legate alle malformazioni del volto. “L’incidenza delle labio-palatoschisi in Iraq è di migliaia di casi, quasi il doppio rispetto ai paesi più ricchi. Se i bambini non vengono operati entro i 18 mesi, la patologia può compromettere l’udito e le facoltà linguistiche dei bambini. Per questo un intervento tempestivo è prioritario. Ci auguriamo che grazie a questi 11 anni di collaborazione e formazione dei medici locali sempre più bambini possano ricevere cure adeguate e specialistiche e che il dolore dei piccoli e delle loro famiglie venga alleviato” – spiega Fabio Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

La missione chirurgica si è avvalsa del contributo di Takeda. Si ringra inoltre Emirates Airline Foundation per aver donato tutti i biglietti aerei del team di Emergenza Sorrisi.

 

E’ in corso di svolgimento – fino al 25 novembre – la 21° missione di Emergenza Sorrisi in Iraq. Un team di 17 medici e infermieri volontari guidati dal Prof. Mario Altacera, Chirurgo Maxillo Facciale dell’Ospedale Miulli di Bari opereranno presso l’Habbobi General Hospital di Nassirya dove saranno curate decine di bambini che presentano labio-palatoschisi, malformazioni del volto, esiti di gravi ustioni e traumi di guerra, fenomeni molto diffusi in questo territorio.

I medici locali hanno effettuato un prescreening sui giovani pazienti per organizzare al meglio le operazioni chirurgiche e le dimissioni post operatorie. “Con questa missione festeggiamo un traguardo importante: gli 11 anni di costante presenza di Emergenza Sorrisi in Iraq. Abbiamo formato medici, professionisti e in particolare abbiamo alleviato le sofferenze di tantissimi piccoli e delle loro famiglie. Abbiamo ridato un sorriso in terre che ancora oggi ne vedono poco”, ricorda il Presidente di Emergenza Sorrisi Fabio Massimo Abenavoli.

Come sopra ricordato Emergenza Sorrisi lavora in Iraq da aprile 2008 e durante ogni missione vengono operati almeno 80/90 bambini e in 11 anni sono state effettuate oltre 5000 visite specialistiche. Il lavoro dei medici italiani è stato favorito dalle infrastrutture ospedaliere donate con il programma Prt (Provincial Recostruction Team), strutture che sono ora interamente di responsabilità gestionale del governo locale di Nassirya e garantiscono migliori condizioni di vita e di salute per la popolazione.

Oltre ad offrire cure mediche specialistiche ai tanti bambini che soffrono di malformazioni congenite al volto Emergenza Sorrisi affiancherà come sempre i medici locali in un percorso di formazione volto a trasferire tutto il know how italiano a livello sanitario. I biglietti aerei del team sono donati dalla Emirates Airline Foundation e la missione si avvale del contributo di Takeda.

Riteniamo autenticamente fondativo e centrale del nostro agire quotidiano la formazione del personale medico locale. Lo testimonia il ruolo sempre più insostituibile del Dottor Aws nostro referente locale; formare medici vuol dire generare speranza in un popolo. Vuol dire che l’agire in prossimità non è un semplice -seppur importante- ‘mordi e fuggi operatorio’ ma è al contrario una paziente opera di crescita e alimentazione, con la stessa tenacia con la quale si cresce e mantiene una pianta per renderla sempre più rigogliosa ” – conclude il dottor Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

 

Martedì 12 novembre p.v. alle ore 19.00 presso il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo torna l’atteso evento Wine Day, giunto alla sua XIII edizione: un’iniziativa organizzata dalla ONG Emergenza Sorrisi, con la collaborazione ed il sostegno di prestigiose aziende vinicole di tutta Italia – tra cui Volpe Pasini, Donnafugata, Caparzo – Borgo Scopeto, Mandrarossa, Barone di Serramarrocco, Talamonti – che hanno aderito all’iniziativa donando preziose bottiglie di vino e distillati.

Anche il cantante Sting e il noto ciclista Moser hanno voluto sostenere questa ormai storica e tradizionale iniziativa solidale inviando vini delle loro cantine.

Le bottiglie, convertite in lotti, saranno battute all’asta dal noto banditore Luciano Carnaroli, che ha lavorato per vent’anni per la casa londinese Christie’s: il ricavato sarà destinato alla prossima missione in Somalia, in programma per il 2020 e l’Ambasciatore della Somalia in Italia, sarà personalmente presente anche per ringraziare di tutto il bene fatto nel suo paese, grazie alle ultime due missioni di Emergenza Sorrisi nel suo Paese.

Il Reale Circolo Canottieri Tevere Remo ospiterà l’iniziativa nella sede storica di Ripetta: l’azienda vinicola Casale del Giglio, offrirà una degustazione dei migliori vini di sua produzione.

L’appuntamento è aperto a tutti coloro che amano il buon vino e che desiderano partecipare a una serata piacevole all’insegna del divertimento e della solidarietà.

Ogni anno molti bambini vengono operati e ritrovano il sorriso grazie ai fondi raccolti con l’asta solidale del Wine Day: il merito è tutto delle cantine italiane che generosamente scelgono di partecipare donando i vini e di tutti coloro che concorrono alla aggiudicazione dei lotti.

Per partecipare all’evento o per ricevere ulteriori informazioni è possibile chiamare la sede di Emergenza Sorrisi al numero 06.84242799 oppure scrivere all’indirizzo mail dedicato wineday@emergenzasorrisi.it

Emergenza Sorrisi – Doctors for smiling Children Ong è un’associazione umanitaria che da più di 10 anni si occupa senza sosta di portare il sorriso a tutti quei bambini affetti da gravi patologie del volto o vittime di ferite di guerra, tramite missioni chirurgiche in decine di Paesi, svolte con il supporto di medici e infermieri volontari, unica speranza per centinaia di bambini che sarebbero senza futuro.

Emergenza Sorrisi, con il contributo di Fondazione Terzo Pilastro, organizza presso il Policlinico Universitario Agostino Gemelli, il convegno “Il trattamento delle malformazioni cranio-facciali” destinato a medici chirurghi di tutte le discipline, infermieri e infermieri pediatrici. Il convegno propone un workshop dedicato al trattamento delle malformazioni facciali all’interno del quale saranno eseguiti dal Prof. Fabio Massimo Abenavoli due interventi di chirurgia in diretta su pazienti provenienti dai Paesi dove opera l’organizzazione.

La chirurgia delle malformazioni cranio-facciali richiede un approccio multi-specialistico. Attraverso questo convegno vogliamo mettere a sistema esperienze diverse per un approccio sempre più multidisciplinare nei confronti dei pazienti. Le difficoltà di chi nasce con una grave malformazione del volto nei Paesi in via di Sviluppo non sono ancora conosciute abbastanza: è fondamentale quindi affrontare il problema cercando di rendere le cure sempre più accessibili nell’ottica di una buona sanità internazionale” – spiega Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

Porteranno i propri saluti istituzionali S.E. Ahmad A.H.Bamarni, Ambasciatore della Repubblica dell’Iraq a Roma, il Prof. Pierpaolo Sileri, Vice Ministro della Sanità, Il Prof. Avv. Emmanuele F.M. Emanuele, Presidente di Fondazione Terzo Pilastro Internazionale, Il Prof. Foad Aodi Presidente di Amsi Consigliere dell’Ordine dei Medici di Roma. Chairman del convegno sarà il Prof. Achille Lucio Gaspari, Direttore Emerito della Cattedra di Chirurgia Generale dell’Università di Tor Vergata e Consigliere Emergenza Sorrisi Ong.

Scopri il programma

2019-11-08-Convegno-Policlinico-Gemelli

Con il progetto “Accoglienza Sorrisi”,  arrivano in Italia cinque piccoli pazienti affetti da gravi malformazioni del volto per essere sottoposti a delicati interventi chirurgici. Emergenza Sorrisi – in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli  -IRCCS restituirà la speranza di un futuro a questi bambini e alle loro famiglie offrendo loro assistenza sanitaria specialistica e cure mediche che non riescono a ricevere nei loro paesi d’origine.

Questa importante azione umanitaria è resa possibile grazie al contributo della Fondazione Terzo Pilastro che sostiene l’intero progetto ed è patrocinata da OMCEO, Amsi, Sanità Informazione e Uniti per Unire.

Oggi è arrivata a Roma la piccola Rahig, 5 anni, proveniente dal Sudan ed affetta schisi facciale; giovedì arriverà invece Amede dal Benin: si tratta di un ragazzo di 14 anni affetto da un voluminoso tumore della mascella superiore. Entrambi i pazienti saranno operati nei prossimi giorni.

Il 15 ottobre dall’Iraq arriverà il piccolo Abdullah M., di solo 1 anno di età, affetto da schisi facciale. Gli ultimi due piccoli pazienti – affetti da labiopalatoschisi complessa – arriveranno invece il 5 novembre, entrambi dall’Iraq, rispettivamente di 8 mesi e un anno. Tutti i pazienti raggiungeranno l’Italia attraverso i voli messi a disposizione da Flying Angels Onlus.

Quando partecipiamo a una missione chirurgica cerchiamo di operare più bambini che possiamo e lavoriamo a fianco dei medici locali per trasferire competenze e conoscenze, ma ci sono casi particolari che necessitano di strumenti e strutture adeguate a causa della particolare difficoltà dell’intervento chirurgico” – spiega Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi. “Poter portare in Italia questi bambini grazie al progetto Accoglienza Sorrisi vuol dire restituire loro un futuro migliore, un futuro che gli sarebbe altrimenti stato negato”.

 

In occasione del Mennea Day 2019, la manifestazione che da sei anni celebra in tutta Italia il grande velocista Pietro Mennea, la città di Matera diventa protagonista di una giornata all’insegna dello sport e della solidarietà.

Il 12 settembre 1979 Mennea stabiliva il record del mondo sui 200 metri con un tempo di 19.72, record che sarebbe stato battuto soltanto vent’anni più tardi. A 40 anni da questa giornata e in occasione delle manifestazioni per Matera 2019, capitale europea della cultura, la città diventa teatro di un importante giornata dove la gioia dello sport si unisce alla gioia del sorriso dei bambini. Grazie alla Fondazione Pietro Mennea nella persona della dottoressa Manuela Olivieri, moglie di Pietro Mennea, sarà possibile donare un sorriso a tantissimi bambini sostenendo il progetto “Un gelato per un sorriso”. Il 12 settembre presso la gelateria I vizi degli angeli (via Domenico Ridola, 36) si potrà gustare un buon gelato il cui ricavato andrà ad Emergenza Sorrisi, l’associazione che con il suo lavoro ha restituito la speranza di un sorriso e di un futuro a oltre 4.900 bambini nati con malformazioni del volto e patologie invalidanti.

Pietro Mennea ha sempre attribuito a sport e solidarietà un ruolo fondamentale. Durante la sua vita ci ha sostenuto e ancora oggi, grazie alla Fondazione, continua a sostenerci. Per noi è un vero onore poter partecipare a questa giornata che non rappresenta semplicemente l’anniversario di un record, ma è un modo per ricordare che dietro ogni grande campione c’è sempre un grande uomo” – sottolinea Fabio Abenavoli Presidente di Emergenza Sorrisi.

Per ricordare il grande velocista in centro città sarà allestita una pista di atletica leggera dove tutti i giovani atleti di Puglia e Basilicata si cimenteranno in gare di velocità. A seguire sarà inaugurata la Biblioteca della cultura sportiva intitolata al grande campione.

Mennea Day 2019

Il team di medici e infermieri volontari di Emergenza Sorrisi è appena tornato dalla seconda missione chirurgica in Somalia a Mogadiscio. Un territorio complesso, provato da oltre 20 anni di guerra civile e difficilmente accessibile in cui le possibilità di cura per i piccoli pazienti sono davvero poche e difficoltose.

Fuori dall’ospedale militare Amisom, dove il team di Emergenza Sorrisi ha potuto svolgere le operazioni chirurgiche in sicurezza, vi era un’enorme pianta di basilico. I medici hanno iniziato a prendersene cura; c’era un po’ d’Italia in quell’orto così lontano da casa. Per prima cosa si sono dedicati alla potatura: perché bisogna tagliare i fiori per far crescere meglio le foglie. Un’attività botanica che ha destato l’attenzione dei colleghi africani. “Perché state tagliando in nostri fiori?” In Africa non conoscevano la ricetta del pesto alla genovese. In Italia non conoscevano la bellezza dei fiori di basilico sotto il sole dell’Equatore.

E’ proprio questo lo spirito che guida il lavoro di Emergenza Sorrisi: uno scambio di conoscenze che unisce e arricchisce ospiti e ospitanti. Oltre cento missioni in tutto il mondo dal 2008 e la seconda in Somalia, teatro molto difficile dove grazie all’impegno di AICS Mogadiscio e all’ambasciata somala italiana si è riusciti ad organizzare una nuova missione che ha restituito il sorriso e la speranza di un futuro a 27 piccoli pazienti. Numerosi interventi chirurgici concentrati in una settimana per bambini affetti da labbro leporino e mancata chiusura del palato, una patologia che altrimenti non troverebbe alcuna soluzione in una situazione complessa come quella somala.

La vera sfida non è solo contribuire con la nostra esperienza e la nostra formazione e le nostre risorse, ma formare medici locali per far sì che, finita la missione, i bambini possano essere trattati negli ospedali somali” – spiega cosi Fabio Abenavoli Chirurgo Plastico e Maxillo Facciale e Presidente e Fondatore di Emergenza Sorrisi. “Certo rimane la sfida delle risorse, bisogna investire sulle infrastrutture e sulla pacificazione del territorio attraverso i canali diplomatici.

Qui in Africa hanno un detto”– conclude il Presidente Abenavoli- “se hai un solo dente in bocca, usa quello per sorridere”.

 

Lunedì 8 luglio alle ore 19:00, presso gli impianti sportivi dell’Acqua Acetosa del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo sarà presentata la traversata a nuoto benefica delle Isole Tremiti. L’evento, che si terrà il 21 luglio prossimo, è organizzato dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo in collaborazione con Emergenza Sorrisi ONLUS e la Fondazione Enrico Castellini, a cui sarà devoluto il ricavato delle iscrizioni.

La traversata in acque libere, che si articolerà in due percorsi – il primo di circa 600 metri, ed il secondo di circa 3,5 Km – è aperta ai Soci del Reale Circolo, ai loro familiari, amici ed appassionati di tutte le età che siano in regola con la certificazione medica di idoneità all’attività agonistica per il nuoto. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 luglio.

 

 

Il team di Emergenza Sorrisi composto da 11 volontari chirurghi, anestesisti e infermieri e guidato dal Chirurgo Plastico e Maxillo Facciale Fabio Massimo Abenavoli, Presidente e fondatore della ONG, è pronto a tornare per la seconda volta in Somalia a Mogadiscio per una missione umanitaria che offrirà cure specialistiche a bambini e giovani adulti affetti da malformazioni del volto. L’operato di Emergenza Sorrisi si consolida così in un Paese come la Somalia, afflitto da più di 20 anni di guerra civile e in cui le possibilità di cura per i piccoli pazienti sono davvero poche e difficoltose.

La missione è stata organizzata grazie al supporto logistico e finanziario di AICS Mogadiscio e in particolare per merito della volontà del Dott. Guglielmo Giordano e del suo team, che hanno creduto in questo progetto rendendolo attuabile nonostante le difficili condizioni del Paese e grazie al sostegno dell’ambasciatore somalo in Italia S.E. Abdirahman Sheikh Issa. La missione è organizzata in stretto coordinamento con l’Ambasciata d’Italia a Mogadiscio e, oltre al partner della Fondazione Abdulle, verrà fatto sistema anche con l’ospedale De Martino, recentemente rinnovato grazie ai fondi della Cooperazione e presso cui verranno ricoverati i piccoli pazienti prima delle dimissioni e il ritorno ad una nuova vita.

La missione si terrà dal 1 al 7 luglio all’ interno della zona sicura dell’aeroporto. Presso l’Aden Abdulle Hospital i medici locali hanno già iniziato le attività di screening visitando e selezionando i giovani pazienti, che altrimenti non potrebbero ricevere cure adeguate in loco. Collaboreranno all’ organizzazione della missione anche lo staff medico delle organizzazioni Amisom e Iqarus. I medici somali inoltre parteciperanno agli interventi chirurgici dove riceveranno aggiornamenti sulle tecniche operatorie più avanzate. Si spera così di replicare il successo dell’attività di Emergenza Sorrisi in Iraq, che, tramite un supporto continuo negli anni, ha visto nascere un centro di eccellenza locale che negli anni è diventato un riferimento per l’intera nazione.

Con la seconda missione di Emergenza Sorrisi in Somalia portiamo avanti un percorso iniziato lo scorso anno e che speriamo porti nel tempo a una proficua collaborazione volta a favorire un’azione di sviluppo positivo e duraturo in questo territorio dove l’accesso alle cure può essere complesso o addirittura inaccessibile a molte famiglie”- ha spiegato Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.