Blog

Con il progetto “Accoglienza Sorrisi”,  arrivano in Italia cinque piccoli pazienti affetti da gravi malformazioni del volto per essere sottoposti a delicati interventi chirurgici. Emergenza Sorrisi – in collaborazione con l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma e la Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli  -IRCCS restituirà la speranza di un futuro a questi bambini e alle loro famiglie offrendo loro assistenza sanitaria specialistica e cure mediche che non riescono a ricevere nei loro paesi d’origine.

Questa importante azione umanitaria è resa possibile grazie al contributo della Fondazione Terzo Pilastro che sostiene l’intero progetto ed è patrocinata da OMCEO, Amsi, Sanità Informazione e Uniti per Unire.

Oggi è arrivata a Roma la piccola Rahig, 5 anni, proveniente dal Sudan ed affetta schisi facciale; giovedì arriverà invece Amede dal Benin: si tratta di un ragazzo di 14 anni affetto da un voluminoso tumore della mascella superiore. Entrambi i pazienti saranno operati nei prossimi giorni.

Il 15 ottobre dall’Iraq arriverà il piccolo Abdullah M., di solo 1 anno di età, affetto da schisi facciale. Gli ultimi due piccoli pazienti – affetti da labiopalatoschisi complessa – arriveranno invece il 5 novembre, entrambi dall’Iraq, rispettivamente di 8 mesi e un anno. Tutti i pazienti raggiungeranno l’Italia attraverso i voli messi a disposizione da Flying Angels Onlus.

Quando partecipiamo a una missione chirurgica cerchiamo di operare più bambini che possiamo e lavoriamo a fianco dei medici locali per trasferire competenze e conoscenze, ma ci sono casi particolari che necessitano di strumenti e strutture adeguate a causa della particolare difficoltà dell’intervento chirurgico” – spiega Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi. “Poter portare in Italia questi bambini grazie al progetto Accoglienza Sorrisi vuol dire restituire loro un futuro migliore, un futuro che gli sarebbe altrimenti stato negato”.

 

In occasione del Mennea Day 2019, la manifestazione che da sei anni celebra in tutta Italia il grande velocista Pietro Mennea, la città di Matera diventa protagonista di una giornata all’insegna dello sport e della solidarietà.

Il 12 settembre 1979 Mennea stabiliva il record del mondo sui 200 metri con un tempo di 19.72, record che sarebbe stato battuto soltanto vent’anni più tardi. A 40 anni da questa giornata e in occasione delle manifestazioni per Matera 2019, capitale europea della cultura, la città diventa teatro di un importante giornata dove la gioia dello sport si unisce alla gioia del sorriso dei bambini. Grazie alla Fondazione Pietro Mennea nella persona della dottoressa Manuela Olivieri, moglie di Pietro Mennea, sarà possibile donare un sorriso a tantissimi bambini sostenendo il progetto “Un gelato per un sorriso”. Il 12 settembre presso la gelateria I vizi degli angeli (via Domenico Ridola, 36) si potrà gustare un buon gelato il cui ricavato andrà ad Emergenza Sorrisi, l’associazione che con il suo lavoro ha restituito la speranza di un sorriso e di un futuro a oltre 4.900 bambini nati con malformazioni del volto e patologie invalidanti.

Pietro Mennea ha sempre attribuito a sport e solidarietà un ruolo fondamentale. Durante la sua vita ci ha sostenuto e ancora oggi, grazie alla Fondazione, continua a sostenerci. Per noi è un vero onore poter partecipare a questa giornata che non rappresenta semplicemente l’anniversario di un record, ma è un modo per ricordare che dietro ogni grande campione c’è sempre un grande uomo” – sottolinea Fabio Abenavoli Presidente di Emergenza Sorrisi.

Per ricordare il grande velocista in centro città sarà allestita una pista di atletica leggera dove tutti i giovani atleti di Puglia e Basilicata si cimenteranno in gare di velocità. A seguire sarà inaugurata la Biblioteca della cultura sportiva intitolata al grande campione.

Mennea Day 2019

Il team di medici e infermieri volontari di Emergenza Sorrisi è appena tornato dalla seconda missione chirurgica in Somalia a Mogadiscio. Un territorio complesso, provato da oltre 20 anni di guerra civile e difficilmente accessibile in cui le possibilità di cura per i piccoli pazienti sono davvero poche e difficoltose.

Fuori dall’ospedale militare Amisom, dove il team di Emergenza Sorrisi ha potuto svolgere le operazioni chirurgiche in sicurezza, vi era un’enorme pianta di basilico. I medici hanno iniziato a prendersene cura; c’era un po’ d’Italia in quell’orto così lontano da casa. Per prima cosa si sono dedicati alla potatura: perché bisogna tagliare i fiori per far crescere meglio le foglie. Un’attività botanica che ha destato l’attenzione dei colleghi africani. “Perché state tagliando in nostri fiori?” In Africa non conoscevano la ricetta del pesto alla genovese. In Italia non conoscevano la bellezza dei fiori di basilico sotto il sole dell’Equatore.

E’ proprio questo lo spirito che guida il lavoro di Emergenza Sorrisi: uno scambio di conoscenze che unisce e arricchisce ospiti e ospitanti. Oltre cento missioni in tutto il mondo dal 2008 e la seconda in Somalia, teatro molto difficile dove grazie all’impegno di AICS Mogadiscio e all’ambasciata somala italiana si è riusciti ad organizzare una nuova missione che ha restituito il sorriso e la speranza di un futuro a 27 piccoli pazienti. Numerosi interventi chirurgici concentrati in una settimana per bambini affetti da labbro leporino e mancata chiusura del palato, una patologia che altrimenti non troverebbe alcuna soluzione in una situazione complessa come quella somala.

La vera sfida non è solo contribuire con la nostra esperienza e la nostra formazione e le nostre risorse, ma formare medici locali per far sì che, finita la missione, i bambini possano essere trattati negli ospedali somali” – spiega cosi Fabio Abenavoli Chirurgo Plastico e Maxillo Facciale e Presidente e Fondatore di Emergenza Sorrisi. “Certo rimane la sfida delle risorse, bisogna investire sulle infrastrutture e sulla pacificazione del territorio attraverso i canali diplomatici.

Qui in Africa hanno un detto”– conclude il Presidente Abenavoli- “se hai un solo dente in bocca, usa quello per sorridere”.

 

Lunedì 8 luglio alle ore 19:00, presso gli impianti sportivi dell’Acqua Acetosa del Reale Circolo Canottieri Tevere Remo sarà presentata la traversata a nuoto benefica delle Isole Tremiti. L’evento, che si terrà il 21 luglio prossimo, è organizzato dal Reale Circolo Canottieri Tevere Remo in collaborazione con Emergenza Sorrisi ONLUS e la Fondazione Enrico Castellini, a cui sarà devoluto il ricavato delle iscrizioni.

La traversata in acque libere, che si articolerà in due percorsi – il primo di circa 600 metri, ed il secondo di circa 3,5 Km – è aperta ai Soci del Reale Circolo, ai loro familiari, amici ed appassionati di tutte le età che siano in regola con la certificazione medica di idoneità all’attività agonistica per il nuoto. Le iscrizioni sono aperte fino al 15 luglio.

 

 

Il team di Emergenza Sorrisi composto da 11 volontari chirurghi, anestesisti e infermieri e guidato dal Chirurgo Plastico e Maxillo Facciale Fabio Massimo Abenavoli, Presidente e fondatore della ONG, è pronto a tornare per la seconda volta in Somalia a Mogadiscio per una missione umanitaria che offrirà cure specialistiche a bambini e giovani adulti affetti da malformazioni del volto. L’operato di Emergenza Sorrisi si consolida così in un Paese come la Somalia, afflitto da più di 20 anni di guerra civile e in cui le possibilità di cura per i piccoli pazienti sono davvero poche e difficoltose.

La missione è stata organizzata grazie al supporto logistico e finanziario di AICS Mogadiscio e in particolare per merito della volontà del Dott. Guglielmo Giordano e del suo team, che hanno creduto in questo progetto rendendolo attuabile nonostante le difficili condizioni del Paese e grazie al sostegno dell’ambasciatore somalo in Italia S.E. Abdirahman Sheikh Issa. La missione è organizzata in stretto coordinamento con l’Ambasciata d’Italia a Mogadiscio e, oltre al partner della Fondazione Abdulle, verrà fatto sistema anche con l’ospedale De Martino, recentemente rinnovato grazie ai fondi della Cooperazione e presso cui verranno ricoverati i piccoli pazienti prima delle dimissioni e il ritorno ad una nuova vita.

La missione si terrà dal 1 al 7 luglio all’ interno della zona sicura dell’aeroporto. Presso l’Aden Abdulle Hospital i medici locali hanno già iniziato le attività di screening visitando e selezionando i giovani pazienti, che altrimenti non potrebbero ricevere cure adeguate in loco. Collaboreranno all’ organizzazione della missione anche lo staff medico delle organizzazioni Amisom e Iqarus. I medici somali inoltre parteciperanno agli interventi chirurgici dove riceveranno aggiornamenti sulle tecniche operatorie più avanzate. Si spera così di replicare il successo dell’attività di Emergenza Sorrisi in Iraq, che, tramite un supporto continuo negli anni, ha visto nascere un centro di eccellenza locale che negli anni è diventato un riferimento per l’intera nazione.

Con la seconda missione di Emergenza Sorrisi in Somalia portiamo avanti un percorso iniziato lo scorso anno e che speriamo porti nel tempo a una proficua collaborazione volta a favorire un’azione di sviluppo positivo e duraturo in questo territorio dove l’accesso alle cure può essere complesso o addirittura inaccessibile a molte famiglie”- ha spiegato Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi.

 

Il suggestivo Museo Etrusco di Villa Giulia ha ospitato una serata speciale all’insegna della solidarietà che permetterà di restituire centinaia di sorrisi ai bambini che Emergenza Sorrisi incontrerà durante le prossime missioni in Iraq e Afghanistan.

Una vera e propria rinascita per tantissimi piccolini resa possibile dalla generosità di numerose aziende che hanno aderito alla serata riservando un tavolo con vista sul suggestivo Emiciclo di Villa Giulia.

I fondi raccolti durante la serata consentiranno l’organizzazione delle prossime missioni chirurgiche di Emergenza Sorrisi, con la finalità di garantire cure specialistiche tutti quei bambini che nei paesi più poveri e disagiati del mondo nascono con gravi malformazioni del mondo, o rimangono vittime di gravi ustioni e traumi di guerra.

In questa occasione Emergenza Sorrisi Vuole ringraziare in particolar modo l’azienda Accolla Infortunistica s.r.l. e la onlus RIDiamo per il generoso contributo.

 

Un grazie speciale da parte di Emergenza sorrisi va all’Institut Saint Dominique de Rome che nel corso dell’anno si è speso tantissimo per sensibilizzare i propri studenti e le loro famiglie sul lavoro svolto dalla nostra organizzazione.

La raccolta fondi organizzata in occasione della Quaresima, alla quale hanno partecipato tantissime famiglie, consentirà ad Emergenza Sorrisi di operare 30 bambini nella prossima missione in partenza a luglio per Mogadiscio.

Generosità che si aggiunge a quella degli oltre 300 alunni che ad aprile hanno corso assieme a Marie-Theo, Priora Provinciale delle Suore Domenicane e atleta della Squadra Atletica Vatican,  trasformando tutta la loro energia nei sorrisi di tantissimi altri bambini.

Un grazie speciale alla scuola, agli organizzatori e, soprattutto, agli alunni, per averci trasmesso un bellissimo messaggio: arrivare al traguardo non è poi così difficile, se si corre insieme!

 

Martedì 11 giugno alle ore 19.00 presso il Teatro Testaccio  il laboratorio  Paroleinmovimento  Musical  Theatre è  lieto di presentare “I  WANT  TO BREAK  FREE ” scritto  e diretto  da Alessia Degli  Angioli 

Andiamo sempre di fretta senza goderci a volte il vero senso della vita, intrappolati in un corpo che non conosciamo, senza ascoltare, vedere, assaporare e toccare.

Rimaniamo in balia dell’attesa, accontentandoci di quelle poche certezze… sopravvivendo.Ma per fortuna i protagonisti dello Spettacolo: “I WANT TO BREAK FREE” riescono a rompere  il  muro del silenzio e dell’ indifferenza .

Come? Ascoltando, reagendo ed esprimendo le loro passioni proprio come il nostro grande idolo Freddy Mercury ribelle e talentuoso, che con la sua musica realizzò vere e proprie opere d’Arte .

La sua musica sarà la cornice del nostro spettacolo che inizia con un viaggio nel tempo tra: Monologhi, Scene, Coreografie , Brani Musicali ispirati a Musical, Film e Testi teatrali da:

Mamma Mia” a “Grease”, “Jesus Christ Superstar”, “Sister Act”, “Giovanna D’Arco”, “Sheskespeare in Love”, “Giulietta e Romeo”, “Le varie sfumature dell’Amore”, “La Festa”, “Gocce” “Bohemian Rhapsody”  regalando allo spettatore emozioni e buona musica all’insegna del ROCK.

“Dobbiamo prendere  spunto dai bambini.

 Loro si che hanno capito tutto  e questo i miei allievi lo sanno molto bene.

Vivere  la vita con gli occhi sempre  stupiti nella consapevolezza del presente

Istante  dopo istante,  come  uno splendido e meraviglioso  dono offertomi  dalla  vita .

 Allora  che aspettiamo? 

Torniamo  tutti  un po’ bambini,  liberi e spensierati,  senza più indifferenza” .

Spettacolo  a favore  di Emergenza  Sorrisi, il presidente  Fabio Abenavoli , i Medici e  i volontari della Onlus

 

Domenica 9 giugno alle ore 20.00 presso la Basilica dei Santi XII Apostoli si terrà il tradizionale “Concerto per la Domenica di Pentecoste” che conclude la 22° edizione del Festival di Pasqua, la prestigiosa manifestazione di Arte e Musica Sacra presieduta e guidata dal regista e scenografo italiano Enrico Castiglione.

L’organizzazione ha gentilmente scelto di dedicare il concerto conclusivo a Emergenza Sorrisi, la ONG che da 12 anni si impegna per restituire il sorriso ai bambini di tutto il mondo affetti da gravi malformazioni del volto, ustioni e traumi di guerra.

Emergenza Sorrisi, fondata  e  presieduta dal  dott. Fabio Massimo Abenavoli, Chirurgo Plastico e Maxillo-Facciale, ha compiuto missioni chirurgiche nei paesi più poveri del mondo, restituendo fino ad oggi la speranza di un sorriso e di un futuro a oltre 4.900 bambini. Nei 23 Paesi in cui Emergenza Sorrisi è presente, i piccoli pazienti accompagnati dalle loro famiglie affrontano viaggi difficili per sottoporsi alle operazioni chirurgiche, che li riscattano per sempre da un futuro di emarginazione ed isolamento.

Emergenza sorrisi regala a questi bambini non solo un aspetto migliore, ma la speranza di un futuro, lasciando alle spalle il dolore.

La generosa iniziativa di Enrico Castiglione che ha scelto Emergenza Sorrisi ed il supporto di tutti coloro che saranno presenti all’importante iniziativa musicale dell’estate romana, consentirà a tanti bambini che attendono di essere operati una vera e propria rinascita.  

Tutto quanto sarà raccolto domenica 9 giugno p.v. sarà utilizzato a sostegno della missione di Emergenza Sorrisi a Mogadiscio, in Somalia, in partenza a Luglio.

Il FESTIVAL DI PASQUA si è sempre distinto nei suoi primi 22 anni di vita per l’ originale ed esclusiva programmazione di Musica ed Arte Sacra, con concerti ed eventi trasmessi dalle più importanti reti televisive del mondo e una programmazione che non manca di richiamare migliaia di cittadini e di turisti provenienti da ogni parte del mondo.

Domenica 9 Giugno 2019 ore 20.00

CONCERTO DI PENTECOSTE

 PROGRAMMA

 Gaulitanus Choir, Malta 

COLIN ATTARD Direttore

Stephanie Portelli & Annabelle Zammit, soprani

Marthese Borg, mezzo-soprano

#festivaldipasqua 2019 22a edizione

ingresso libero fino ad esaurimento della capienza

Basilica dei Santi XII Apostoli
Piazza dei Santi Apostoli, Roma www.festivaldipasqua.org

Il team di medici e infermieri volontari di Emergenza Sorrisi è in partenza il 12 maggio per il Benin. Nell’ambito del progetto cofinanziato dall’8×1000 della Conferenza Episcopale Italiana, Emergenza Sorrisi visiterà e offrirà cure specialistiche ai giovani pazienti dell’Ospedale di Abomey Calavi dove ci sono oltre 100 famiglie che hanno registrato i propri bambini per lo screening preliminare.

L’equipe medica

Ad operare i piccoli pazienti sarà una squadra composta da 13 medici e infermieri volontari tra cui il Chirurgo Plastico e Maxillo Facciale Mario Altacera dell’Ospedale Miulli di Bari unitamente al Prof. Gianpaolo Tartaro, Professore Ordinario in Chirurgia Maxillo-Facciale presso l’Università degli Studi della Campania Luigi Vanvitelli, e al Prof. Sinezio de Souza, Professore di Chirurgia Plastica Estetica e Ricostruttiva a Rio De Janeiro.

La situazione del paese

In Benin la situazione sociosanitaria è particolarmente critica, poiché il sistema sanitario prevede l’erogazione di prestazioni mediche a fronte di una retribuzione. Questo esclude dall’accesso alle cure e agli interventi la maggior parte delle famiglie che spesso vivono con redditi al di sotto della soglia di povertà. In questo contesto le labio-palatoschisi hanno un’incidenza molto elevata e per questo motivo a fronte di un appello del Ministero della Sanità del Benin i medici dell’Associazione si sono mobilitati avviando un progetto di cooperazione sanitaria presso la capitale Cotonou.

Un pensiero per Luca de Pascale

Emergenza Sorrisi ha deciso di intitolare questa missione chirurgica al caro amico Luca de Pascale “una di quelle rare persone che rubano il cuore senza neppure accorgersene” – ricorda Fabio Massimo Abenavoli, Presidente di Emergenza Sorrisi. “Luca De Pascale ha curato, confortato, consigliato i suoi pazienti e tutti coloro che gli hanno chiesto aiuto senza mai spazientirsi, senza mai usare parole men che misurate. Uomo di solidissima fede, volontario tra gli ultimi, come sa bene chi alla domenica riceve il conforto di un piatto caldo alla Stazione Termini di Roma, ha affrontato anche la prova più dura con il sorriso: ridarlo a bambini che ne sono privi è per noi un modo straordinario per rendergli onore” – conclude Abenavoli.